Il commercio librario a Bologna tra XV e XVI secolo

Presentazione del libro di Rita De Tata (Milano, FrancoAngeli, 2021, open access)

  • Data: 29 GIUGNO 2021  dalle 17:30 alle 19:00

  • Luogo: Online (pagina Facebook "Il Chiostro dei Celestini")

  • Tipo: Presentazioni di libri

La Bologna del XV secolo è una delle maggiori città italiane, sede di una prestigiosa università e fiorente centro industriale ed economico; in queste condizioni, ideali per lo sviluppo della nascente arte tipografica, il mercato del libro manoscritto, e il suo mondo di copisti, miniatori, legatori, stationarii, si adegua ben presto alla nuova forma di produzione, favorendo fra XV e XVI secolo l’emergere di alcune grandi famiglie di librai-tipografi-editori. Già dai primi decenni del Cinquecento si manifesta però la presenza sempre più schiacciante della produzione libraria forestiera: importanti stampatori come Vincenzo Valgrisi e Gabriele Giolito stabiliscono filiali in città, mentre nel settore del libro giuridico si va affermando l’editoria lionese dei Giunti.

La situazione muta ancora nella seconda metà del secolo, quando il mercato si rimodula in seguito ai condizionamenti operati dalle autorità ecclesiastiche e si allarga a strati sociali in precedenza esclusi dal consumo culturale. Il lavoro, basato su una capillare indagine delle fonti documentarie, ricostruisce per la prima volta una storia sociale del commercio librario bolognese, delineando le vicende di famiglie e botteghe operanti in città, ma aprendo lo sguardo anche ai rapporti con le grandi ditte forestiere (Fonte: FrancoAngeli).

 

Saluti istituzionali

Giovanna Giubbini, direttore dell’Archivio di Stato di Bologna

 

Intervengono

Massimo Giansante, Archivio di Stato di Bologna

Paolo Tinti, Università di Bologna

 

Sarà presente l'Autrice

 

In collaborazione con

Contatti

Il Chiostro dei Celestini. Amici dell’Archivio di Stato di Bologna

Bologna, vicolo Spirito Santo, 4 (presso Archivio di Stato di Bologna)

Scrivi una mail

Vai al sito