Homepage

  • Aldo Manuzio: Institutionum grammaticarum, 1514

  • [Vocabolario italiano-tedesco], 1479

  • Orazio Torsellini: Lauretanae historiae libri quinque, 1597

  • (Pseudo-) Marcus Fabius Quintilianus: Declamationes maiores, 1482

  • Dante Alighieri: La Commedia, 1481

  • Libro utilissimo a chi se dileta de intendere todescho, dechiarando in lingua taliana, 1511

  • Benedetto Bordon: L’Isole del mondo, 1528

  • Andrea da Barberino: Guerino il Meschino, 1475

  • F. Albergati Capacelli: Commedie, 1800

  • Ulisse Aldrovandi: Quadrupedum omnium bisulcorum historia, 1621

  • Giuseppe D'Alessandro: Opera, 1723

  • Ritratto di Nicolas-Claude Fabri de Peiresc, sec. XVIII

  • Bibbia di Mechitar, taglio anteriore, 1733-1735

  • Sommario delle Costituzioni di un monastero di monache claustrali agostiniane, sec. XVIII

  • Rituale cassinese, sec. XIX

  • Plinius Secundus Gaius: Historia Naturalis (it.), 1476

  • Petrus Apianus: Astronomicum Caesareum, 1540

  • Lucius Coelius Firmianus Lactantius: Opera, 1465

Dante e la Divina Commedia. Testimonianze dantesche negli archivi e nelle biblioteche

Progetto espositivo promosso dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il Servizio Patrimonio culturale, in collaborazione con la Società Dantesca Italiana, in occasione del settimo centenario della morte di Dante (1321-2021). Si tratta di 14 mostre in 14 archivi e biblioteche, da Piacenza a Rimini, che espongono manoscritti, incunaboli e cinquecentine della Commedia e di altre opere dantesche, allestite in un arco di tempo che va dal Dantedì fino ai primi mesi del 2022.
Al prof. Paolo Tinti è stato affidato il coordinamento scientifico della schedatura degli incunaboli custoditi in Regione.

Vai alla pagina

Online TECA, X (2020), 1, n.s. Dossier ‘La vertigine dell’archivio’

Vai alla pagina
Torna su