Homepage

Centro di Medicina Transculturale e Psicosomatica di Bologna

Il Centro di Medicina Transculturale e Psicosomatica di Bologna (Bologna Transcultural Psychosomatic Team – BoTPT) svolge attività di ricerca e formazione nell'ambito della medicina psicosomatica, in particolare per la cura e la prevenzione dei disturbi mentali nei migranti. L'attenzione alla dimensione di "salute" non solo individuale, a partire da quella rintracciabile nella storia di ogni persona, ma anche pubblica, insita nella società e intimamente collegata all'ambiente, fanno di questo centro un riferimento nel panorama nazionale e internazionale per la continua acquisizione di conoscenze e di strumenti di dialogo tra la medicina, le scienze sociali e gli studi umanistici.

Il Centro BoTPT alla sezione Cinema e Psichiatria di Sguardi Altrove Film Festival (27.10.21 – ore 18.00 / online)

La prof.ssa Ilaria Tarricone (BoTPT-DiMEC) interviene alla sezione Women on the Move and mental Health di Sguardi Altrove Film Festival (Milano, 22 - 30.11.21) insieme a Giancarlo Santone (Direttore UOSD Centro Salute Migranti Forzati ASL Roma 1), Nour Gharbi, regista di “Joy”, Luca Esposito, regista di “Paper Boat” e Charlotte Diement, regista di “The Inheritors”.

Vai alla pagina

Migrazione e Salute mentale

Le psicosi sono più frequenti nei migranti. Ce ne parla Ilaria Tarricone, sottolineando la maggiore esposizione a traumi nel percorso migratorio che si unisce alle maggiori vulnerabilità pregresse in queste persone. Nelle donne, poi, si somma l’essere più esposte ai maltrattamenti sessuali, fisici, psicologici.

Torna su